Archivio mensile:ottobre 2011

Indignati e qualunquisti

Gli studenti palermitani sono tornati in piazza. Lo hanno fatto con energia e convinzione e lo hanno fatto all’inizio dell’anno scolastico. Il nome da dare a questa esplosione di rabbia è uno solo: esasperazione. I ragazzi hanno capito che la politica sta distruggendo il loro futuro, ed i nostri, in particolare, sentono che la trappola in cui sono finiti è duplice: da un lato l’orizzonte dello studio è la disoccupazione pressoché sicura, dall’altro anche il percorso di studio diventa sempre più invivibile, per le condizioni disastrose in cui versano le scuole della nostra città, per la discontinuità degli insegnamenti, per l’inefficienza generale del sistema. E sono esplosi. Leggi il resto di questa voce

Annunci

Il recinto di Facebook

Sulla “Repubblica” di domenica 2 ottobre, l’ottimo Ernesto Assante ha pubblicato un articolo che ritengo di grande interesse a proposito della logica di Facebook.

Le nostalgie della Mastrocola

Gli insegnanti che si appassionano alla collega scrittrice Paola Mastrocola farebbero bene a riflettere. Costei avrà il dono del bello scrivere, ma quando parla di scuola sembra calata sulla terra da un altro pianeta.  E’ quanto ben dimostra l’intervento di Maria Luisa Jori pubblicato da “Chichibìo”, la rivista per gli italianisti ottimamente diretta da Franco Marchese.

Il vero Cetto la qualunque

Irresistibile. Il sindaco di Catenanuova fa Cetto meglio di Cetto.

Guardate un po’.