Inferno canto XXV: MUTAZIONE

Informazioni su Muraglia

Insegnante, blogger di servizio

Pubblicato il 4 luglio 2021, in Cultura e società con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Maria Antonietta Di Venuta

    In questo canto si dimostra la labilità e la fragilità della connotazione umana e anche quanto la natura sia potente. La condizione attuale conferma tristemente quanto detto.
    Ma la vera domanda è: “Dante parla ancora?” Dante ci parla perché trascende i tempi e punta direttamente al cuore degli uomini. Nella riflessione si apre una finestra senza dimensioni che scava all’interno della storia umana. Come diceva il grande Quasimodo: ” Sei ancora quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: