Archivi Blog

Paradiso canto I: ORDINE

Un filo di sensatezza tra le cose

Per le puntate precedenti vai qui

Parole domenicali: inizia il Paradiso

Dante e Beatrice in volo nei cieli paradisiaci

“Da domenica 12 settembre, senza interruzioni, il cammino ripartirà col primo canto del Purgatorio. Saliremo sul monte fino al paradiso terrestre che raggiungeremo domenica 24 aprile del 2022, con l’auspicio che si tratti anche di un paradiso post pandemia.”

Con queste parole iniziammo il viaggio nel Purgatorio dantesco: era il 12 settembre del 2021. Il Purgatorio è stato scalato e da domenica inizieranno le parole del Paradiso. L’auspicio di quei giorni non solo non si è realizzato, ma è stato mortificato dall’avvento di un nuovo inferno, la guerra in Ucraina. Non per questo la lezione di Dante ci lascia indifferenti, anzi forse ancor più sarà necessario affermare tutti gli orizzonti che circolano nella cantica del Paradiso: pace, comunione, rispetto, affetto, ascolto, disponibilità, bellezza, leggerezza, ma anche consapevolezza, studio, responsabilità, cultura, riflessione, profondità. Tutto questo ci interpellerà ancora di più. Da domenica prossima comincerà il nuovo viaggio per altre 33 settimane.

Quel che saremo a dicembre, a conclusione di tutto, lo dirà la storia.

Purgatorio canto XXXIII: STELLE

Le stelle sono frutto di fatica e macerie

Per le puntate precedenti vai qui

Purgatorio canto XXXII: MONDO

Ha fatto verità in se stesso

Per le puntate precedenti vai qui

Purgatorio canto XXXI: CONFESSIONE

Fare emergere a linguaggio l’Inconfessabile

Per le puntate precedenti vai qui

Purgatorio canto XXX: ANGOSCIA

La demolizione della propria immagine

Per le puntate precedenti vai qui

Purgatorio canto XXIX: MELODIA

La musica è viatico di armonia

Per le puntate precedenti vai qui

I tiranni nel Dantedì 2022

INFERNO CANTO XII, 100-105

TRA I VIOLENTI CONTRO IL PROSSIMO

Or ci movemmo con la scorta fida
lungo la proda del bollor vermiglio,
dove i bolliti facieno alte strida
.

Io vidi gente sotto infino al ciglio;
e ’l gran centauro disse: “E’ son tiranni
che dier nel sangue e ne l’aver di piglio”.

In un fiume di sangue bollente nuotano per sempre dittatori, aggressori e assassini.

Da chiamare con il loro nome. Senza ambiguità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: